Pays partenaires :

accueil site > Erasmus+ partenariato > Giardino senza frontiere. Una scuola per lo slivuppo di competenze chiave (...) > Schede Pedagogiche > 34 Tappeto-Giardino: da un’aiuola del giardino al Tappeto Volante

34 Tappeto-Giardino: da un’aiuola del giardino al Tappeto Volante
lunedì 17 Giugno 2019
Version imprimable de cet article Versione stampabile

JPEG - 43.4 Kb

PROGETTO
Utilizzare diversi scatti fotografici realizzati in un giardino per motivare l’apprendimento delle competenze chiave e trasversali degli allievi in difficoltà scolastica partendo da una proposta artistica: “ Piantare un’aiuola … in tessuto”

PUBBLICO
Questo percorso di lavoro è stato sperimentato con molti insegnanti europei, nell’ambito della mobilità di formazione "peer-to-peer". È stato utilizzato anche con un pubblico diverso: studenti delle scuole medie e superiori, adulti.

COMPETENZE CHIAVE
- Comunicazione nella lingua madre
- Sensibilità ed espressione culturale
- Competenze sociali e civiche

OBIETTIVI
- Arricchire il lessico legato a un doppio ambito semantico: del giardino e del tessuto.
- Arricchire il repertorio delle tecniche legate al tessuto. Si utilizza il tessuto come supporto, materiale e mezzo espressivo.
- Scoprire le opere di artisti che lavorano con il tessuto.
- Comunicare con gli altri, prendere la parola, dibattere, giustificare le proprie scelte.

GIARDINO ESPLORATO
Il giardino esplorato è il “Jardin des Arts” a Saint-Germain-en-Laye, un giardino “effimero” realizzato nell’ambito del progetto "Jardin sans frontière" dai giovani della Mission Locale e gli studenti del “Lycée Horticole et Agricole” della città.

JPEG - 352.3 Kb

Il Tappeto-Giardino di Aline Rutily, artista di Arti Visive: un’opera collettiva “in progress” da condividere.

Nell’installazione, il tappeto è connesso con la vegetazione del giardino che si insinua nei pezzi di tessuto e attraversa l’opera, come la navetta sulla trama, scambiando con il tessuto una stessa corporalità”. Aline Rutily

MATERIALE
- Macchine fotografiche
- Quaderni, matite colorate
- Pezzi di stoffa, anche usati, raggruppati per colore
- Supporti di cartone o reti delle stesse dimensioni (30x30 cm)

SVILUPPO
1. Iniziare esplorando il giardino con delle cornici e degli specchi quadrati e scrivere delle parole derivanti dalla propria percezione. Prendere coscienza delle analogie lessicali esistenti tra il tessile e il vegetale, per esempio tra i termini usati per definire foglie e fiori: setoso, cotonoso, imbottito, vellutato, lanoso …Descrivere e fotografare i dettagli osservati nel giardino.

2. Raccogliere le fotografie (quadrate). Ognuno comunica le proprie scelte, soprattutto quelle relative al giardino. Questo esercizio mira ad acquisire la consapevolezza che qualsiasi scelta, qualsiasi immagine, ogni testo è interessante e gratificante.

3. Trasferire la fotografia sul quadrato di tessuto
- Tagliare un supporto di 30x30 cm. E’ possibile utilizzare una rete flessibile o realizzare il supporto all’uncinetto lavorando delle strisce di tessuto spesso.

4. Raccogliere le strisce di tessuto con riferimento ai colori della fotografia

JPEG - 114.1 Kb
JPEG - 120.5 Kb
JPEG - 130.6 Kb

5. Sperimentare diverse tecniche: pizzo, nodi, uncinetto, découpage, pieghe, arricciature, uso di vernici. L’esperimento gioca anche sugli effetti prodotti in relazione alla trama e allo spessore delle fibre utilizzate.

JPEG - 169.2 Kb

6. Realizzare collettivamente, con l’insieme dei quadrati, un grande tappeto giustapponendo l’insieme dei punti di vista sul giardino. Si offre così allo sguardo una bella metafora visiva: ognuno “pianta” il proprio “quadrato” dentro al “giardino” che “viene tessuto” mentre ci incontriamo e cresciamo insieme.

JPEG - 648.5 Kb
JPEG - 518.8 Kb
JPEG - 664.8 Kb

ESTENSIONE
Far partecipare delle scuole europee alla realizzazione di questo Tappeto Volante senza Frontiere.
A Saint-Germain-en-Laye, la classe di studenti del Préparatoire (6-7 anni) di Sylvie Tournier, direttrice della scuola elementare di Giraud Teulon, ha beneficiato dell’intervento della coreografa Sylvie Daussin e dei percussionisti Augustin Thibault, Theo Bouvron, Mateo Tretout.
Questi giovani studenti hanno preso i loro quadrati di tessuti e quelli di altri per creare diverse "frasi gestuali" che associano il linguaggio del corpo alla musica e materiali colorati che incarnano diversi punti di vista sul giardino.

JPEG - 375.6 Kb
JPEG - 372.4 Kb
JPEG - 440.4 Kb

Hanno quindi composto un breve "testo gestuale" che hanno memorizzato, come una poesia, e ripetuto per produrlo di fronte al pubblico degli altri studenti, sul piccolo palco del cortile del teatro Alexander Dumas.

JPEG - 449.2 Kb
JPEG - 483.7 Kb
JPEG - 626.1 Kb

Questa esibizione nei colori del Garden Without Borders, che indossava anche il loro costume - il logo del progetto - si è conclusa con il suono dell ’"Inno alla gioia", anch’essa diventata "senza confini" .

JPEG - 419.3 Kb

L’esibizione dei bambini ha così offerto all’occhio una bella metafora visiva: ognuno "pianta" la sua "piazza" nell’infinito "Giardino senza frontiere" che "intrecciamo" insieme, attraverso i nostri incontri e con cui cresciamo esse.
Vedi lo spettacolo in un video clip diretto da Sylvie Tournier, regista di École élémentaire Giraud Teulon.|

Il Tappeto è stato installato per la prima volta in Romania e comprendeva allora 53 quadrati.
Vedere la prima installazione del Tappeto Vegetale Transculturale al Centro Apostou, Bacau
Questo work in progress in seguito ha viaggiato, come fosse un Tappeto Volante; è stato in Francia a Cahors, a Versailles al “Potager du Roi”, poi in Italia a San Quirico d’Orcia, a Parma, a Bologna, quindi in Portogallo, a Faro, in Belgio a Bruxelles presso l’Hotel de Ville.

Il suo ultimo viaggio è stato nel giugno 2019, al Jardin des Arts, a Saint-Germain-en-Laye. Presto a Saint-Germain-en-Laye questo Tappeto Volante, che è costituito ora da centinaia di quadrati, sarà l’oggetto di una performance al Jardin des Artes, in occasione del Mese dell’Appuntamento ai Giardini, in giugno 2019.

VALUTAZIONE
Si concentrerà sulla capacità dello studente di:
Padroneggiare la propria lingua madre, comunicare oralmente e in forma scritta: − comunicare, giustificare le proprie scelte in occasione delle riprese fotografiche in giardino − trovare motivazioni per scrivere, rispettando le regole dell’ortografia − arricchire il proprio lessico e saperlo utilizzare

Sviluppare la propria sensibilità, la propria cultura e le proprie capacità espressive: − arricchire il proprio repertorio tecnico legato all’utilizzazione del tessuto − accrescere la propria conoscenza nel campo delle opere d’arte utilizzando la materia tessile

Sviluppare le proprie competenze sociali e civiche − comunicare il proprio progetto − avere il coraggio di prendere la parola, dibattere, ascoltare gli altri − essere motivato a mantenere una corrispondenza.

AUTORE
Aline Rutily, saggista e artista di Arti Visive
Association Paysage et Patrimoine sans frontière, Saint-Germain-en-Laye, Francia

TRADUTTORE
Giuliana Corbatto
Association Acquamarina, Trieste, Italie

Commenti
    Non vi sono commenti

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Un messaggio, un commento?
  • (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Chi sei? (opzionale)