Pays partenaires :

accueil site > Erasmus+ partenariato > Giardino senza frontiere. Una scuola per lo slivuppo di competenze chiave (...) > Schede Pedagogiche > 26 Creare, nello spazio scolastico, dei luoghi conviviali “ verdi”, partendo (...)

26 Creare, nello spazio scolastico, dei luoghi conviviali “ verdi”, partendo dal riciclaggio di mobili ed oggetti da utilizzare come “fioriera"”
venerdì 15 Febbraio 2019
Version imprimable de cet article Versione stampabile

JPEG - 43.4 Kb

PROGETTO
In questo progetto collettivo, gli studenti sono coinvolti nella creazione, nella loro scuola, di spazi "verdi", partendo dal riciclo di mobili e oggetti usati come “giardiniere” per piante da giardino e da interno.
Oltre a promuovere il benessere e la qualità dell’ambiente di lavoro, questa attività di gruppo si inserisce in una interdisciplinarità che favorisce l’inclusione

PUBBLICO
- Allievi del liceo che hanno scelto l’insegnamento opzionale di Arti Plastiche, visuali e audiovisuali.
- Questa attività è stata oggetto di una presentazione nell’ambito della quarta mobilità di apprendimento e formazione del progetto Erasmus Plus «Jardin sans frontière. Une école pour développer les compétences clés en Europe», che si è svolta all’Università di Padova dal 14 al 18 maggio 2019.

COMPETENZE CHIAVE
- Comunicazione nella lingua madre orale e scritta
- Sensibilità ed espressione culturale
- Imparare a imparare
- Competenze sociali e civiche

JPEG - 345.2 Kb
JPEG - 185.5 Kb
JPEG - 298.6 Kb

OBIETTIVI
- Contemplare, interpretare, riflettere e analizzare il mondo che ci circonda.
- Superare gli stereotipi legati all’espressione artistica mettendoli in relazione con altri ambiti. -Utilizzare il giardino, i suoi colori e le sue texture per sviluppare la creatività, l’immaginazione e l’espressione artistica per la creazione di mobili partendo da materiali riciclati.
- Imparare a lavorare in equipe per realizzare un progetto artistico collettivo, definirne l’organizzazione, le tappe e l’autovalutazione. Imparare a inserirsi attivamente in un progetto e ad assumersi la responsabilità della realizzazione di una sua parte.
- Sviluppare un apprendimento trasversale relativo al giardino, padroneggiando la lingua, le arti e le scienze ambientali.

GIARDINO ESPLORATO
Il giardino del IES Escultor Sánchez Mesa di Otura (Granada)

MATERIALE
Per riciclare i mobili e trasformarli in “giardiniere” -Piccoli mobili trovati nelle nelle discariche (ruote, sedie, tavoli, oggetti vari)
- strumenti per la lavorazione del legno, prodotti per la sverniciatura, la pulizia, la riparazione e preparazione dei mobili -Vernice acrilica, pennelli …
Per presentare i testi che raccontano la nuova vita dei mobili e la loro trasformazione in “giardiniere”
- Computer (per il trattamento dei testi)
- Strumento per plastificare i testi
Per la messa in opera delle “giardiniere” - Piante da interno fornite dagli sponsor (Exmo) e dal Consiglio Municipale della città di Outura - Granada

SVILUPPO
- Prima dell’inizio del progetto, costituzione di un gruppo di lavoro con docenti/genitori/municipalità/sponsor per una buona collaborazione di pianificazione del lavoro, per stabilire un calendario delle attività, le risorse materiali e tecniche, ecc
- Presentazione della tematica: analisi delle abitudini di consumo che prevalgono nella società odierna e della necessità di agire diversamente. Soffermarsi sul significato di restauro: rinnovare, riparare o sostituire qualcosa riportandolo allo stato in cui si trovava prima, dandogli una nuova vita.
- Osservare ed analizzare degli oggetti e dei mobili da riciclare: studio delle possibilità di dare loro una nuova vita, diversa da quella a cui erano destinati.
- Elaborare i mobili riciclati come risorsa per lo sviluppo della creatività. Colorazione dei mobili: con pittura, motivi decorativi, collage. Messa in opera delle piante nelle “giardiniere”
- Scrivere individualmente la storia di questi mobili divenuti “giardiniere”. Affissione dei testi sulle pareti della scuola.
- Prendere coscienza dell’impatto di queste “giardiniere”, delle piante, dei colori, nello spazio interno ed esterno dell’istituto scolastico. VALUTAZIONE
Misura la capacità dell’allievo di:
Comunicare nella lingua madre orale e scritta:
- Utilizzare correttamente il linguaggio orale e scritto
- Esprimere delle idee, delle conoscenze, delle opinioni -Scrivere una storia per raccontare la “nuova vita” data ai mobili utilizzati
Sviluppare delle competenze nell’ambito della sensibilità e dell’espressione culturale
- Sviluppare, attraverso la cultura e le arti, un arricchimento personale, un’attitudine ad esprimere il proprio rapporto con gli altri.
- Utilizzare la creazione artistica come mezzo d’espressione personale.
- Utilizzare le arti visive in modo insolito a scuola, prassi largamente diffusa tra molti artisti del ventesimo e ventunesimo secolo: lavorare in un ambiente reale, con materiali di riciclaggio.
- Sapersi adattare a uno specifico soggetto, a un ambiente particolare per sviluppare la propria creatività. -Utilizzare un evento, una situazione d’attualità positiva o negativa, come mezzo di espressione personale.
- Creare delle composizioni grafico/plastiche personali e collettive.
Imparare a imparare
Imparare a realizzare un progetto artistico, definirne l’organizzazione, le tappe e l’autovalutazione.
Sviluppare le proprie competenze sociali e civiche
Imparare a lavorare in gruppo. Imparare a inserirsi attivamente in un progetto e ad assumersi la responsabilità della realizzazione di una sua parte.

AUTORE, FOTOGRAFIE
Maria del Carmen Casas Úbeda Artista Arte Visiva. Docente di Arti Plastiche, visive e audio-visive.
IES Escultor Sánchez Mesa de Otura (Granada), Istituto annesso al team educativo di Granada, coordinato dall’Orto Botanico dell’Università di Granada – Spagna.

TRADUTTORE
Giuliana Corbatto
Association Acquamarina, Trieste, Italie

Commenti
    Non vi sono commenti

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Un messaggio, un commento?
  • (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Chi sei? (opzionale)