Pays partenaires :

accueil site > Erasmus+ partenariato > Giardino senza frontiere. Una scuola per lo slivuppo di competenze chiave (...) > Schede Pedagogiche > 22 Erbario Virtuale

22 Erbario Virtuale
lunedì 20 Maggio 2019
Version imprimable de cet article Versione stampabile

JPEG - 43.4 Kb

PROGETTO
Realizzare un erbario partendo da testi e da una collezione di immagini di piante rappresentate attraverso fotografie, disegni, dipinti, collage …
Imparare a mettere l’erbario in rete.

PUBBLICO
- Questo percorso di lavoro è stato sperimentato e redatto nell’Orto Botanico di Padova (Italia) con docenti europei nell’ambito di una formazione “tra pari”.
- Questo strumento pedagogico, progettato da Aline Rutily per il sito web del progetto ( http://www.paysage-patrimoine.eu/), è stato anche utilizzato con diverse tipologie di pubblico: docenti e formatori, allievi delle scuole elementari e medie della Comunità di Saint-Germain Boucle de Seine.

COMPETENZE CHIAVE
- Comunicazione nella lingua madre
- Sensibilità ed espressione culturale
- Competenze informatiche
- Competenze sociali
- Competenze scientifiche

OBIETTIVI
- Sperimentare e imparare a conoscere l’erbario, la sua storia, il suo carattere interdisciplinare
- Allontanarsi dagli aspetti formali del classico erbario per cercare di scoprire i segreti più fantastici che la Natura possiede
- Imparare a padroneggiare lo strumento informatico, dandogli un significato, attraverso pratiche creative di immagine e testo

GIARDINI ESPLORATI
- Giardini di Saint-Germain-en-Laye, di Valrouflé (Lot), di Périgueux (Dordogna) (Antenna dell’Associazione Paysage et patrimoine sans frontière).
- Orto Botanico di Padua, Italia

MATERIALE
- Collezioni
- Computer
- Videoproiettore

SVILUPPO
1. Comunicare intorno al concetto di Erbario
- Riproporre oralmente quanto compreso in merito alla nozione di Erbario, dei suoi obiettivi in passato e nel presente

JPEG - 366.6 Kb
JPEG - 422.3 Kb
JPEG - 330.2 Kb

- Ricordare qualche tappa della lunga storia degli erbari, a partire dai papiri egiziani di Tebtynis, dall’Historia Plantarum del filosofo greco Teofrasto, dal Codice di Medicina e Farmacologia di Dioscoride fino agli erbari contemporanei. Le collezioni più antiche di piante, figurate o scritte, ci mostrano che l’erbario si colloca all’intersezione di numerose scienze come la medicina, la farmacologia, la botanica, la papirologia e, attualmente, l’informatica ma anche la storia, la filosofia, la letteratura, le arti per non citare che alcuni ambiti della conoscenza e del pensiero.
- L’erbario ha rappresentato il luogo ideale per l’immaginazione di scrittori quali Johann Wolfgang von Goethe, Jean-Jacques Rousseau, Colette o di artisti di Land Art come Richard Long o dell’Arte Povera come Maurizio Nannucci.

PNG - 811.3 Kb

- Riproporre oralmente quanto si è compreso sull’erbario
L’Erbario Virtuale ( http://www.paysage-patrimoine.eu/sp…) è un software online sul sito Web del progetto.
E’ costituito da due sotto-sezioni:
“Arti”
“Scienze”
Sono state anche create due “Sotto-rubriche” collegate ai nostri progetti, in particolare: Herbier sans Frontière ( http://www.paysage-patrimoine.eu/sp…)
L’ "Erbario virtuale scientifico" è una raccolta di fotografie di piante il cui scopo è quello di catalogare il “reale” attraverso il riconoscimento e la classificazione.
L’ "Erbario virtuale artistico" è costituito anch’esso da una raccolta di fotografie di piante, ma l’oggetto è diverso: si tratta di raccolte di oggetti rari o curiosi provenienti dalla Natura (richiamando i “Gabinetti di curiosità” del XVI e XVII secolo). L’ "erbario artistico virtuale" è una “storia di storie”, di poesie, miti e immaginazioni.
Questo grande erbario è scritto in molte lingue - compreso il latino. E’ costituito da una serie di collezioni ognuna delle quali diviene uno dei fascicoli di un Grande Erbario Virtuale, in cui si collegano scienza e arte, illustrando gli infiniti rapporti tra linguaggi e piante, tra parole ed esperienze, tra mito e realtà.
2. Costruire l’erbario virtuale. Sia l’erbario “artistico” che quello “scientifico” viene definito con:
- un breve testo individuale o collettivo redatto parallelamente alla realizzazione di
- 10 illustrazioni (fotografie di piante essiccate e incollate, disegni, dipinti) da predisporre anticipatamente.
3. Proporre il proprio erbario in rete
L’inserimento in rete si effettua collegandosi al sito web e seguendo le indicazioni http://www.paysage-patrimoine.eu/sp…

Tra i molti erbari virtuali relativi al Progetto “Jardin sans frontière” citiamo, in Francia:
- Erbario “Installazione Vegetale”
- Erbario “Calligrafia su una foglia d’albero”
- Erbario “Bestiario Frondoso”
- Erbario in un “medicis”
- Erbario “Flora di pietra”
- Erbari senza frontiere

ESTENSIONE
Organizzazione di una corrispondenza di Scambio d’ Erbari (http://www.paysage-patrimoine.eu/sp…) tra studenti i quali, scrivendo nella propria lingua madre, illustrano i loro percorsi in diversi giardini del mondo.

VALUTAZIONE
Si valuterà la capacità degli allievi di:
- Comunicare nella propria lingua madre: riproporre oralmente e in forma scritta la comprensione del concetto di erbario e di erbario virtuale, scrivere un testo rispettando le regole ortografiche
- Sviluppare la propria sensibilità e la propria espressione culturale: costruire il proprio “erbario artistico” utilizzando tutte le risorse creative attraverso la fotografia, la pittura, il disegno, la tessitura, l’installazione, i grafismi, il collage … Diventare estimatori degli erbari, fonti di ispirazione per molti autori e artisti.
- Sviluppare le proprie competenze sociali: dialogare con gli altri, comunicare per costruire un erbario collettivo, per scambiare della corrispondenza con altri utenti di Internet
- Sviluppare le proprie competenze digitali: padroneggiare lo strumento informatico “Erbari” in rete, dandogli un senso, attraverso delle pratiche creative che lo valorizzino
- Sviluppare le proprie competenze scientifiche: estendere la propria cultura nel campo della storia delle scienze, trovare la motivazione per costruire delle pagine di erbario, arricchire il proprio lessico specifico relativo all’erbario

AUTORE
Aline Rutily
Associazione Paysage et Patrimoine sans frontière, Saint-Germain-en-Laye, Francia

TRADUTTORE
Giuliana Corbatto
Association Acquamarina, Trieste, Italie

Commenti
    Non vi sono commenti

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Un messaggio, un commento?
  • (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Chi sei? (opzionale)