Pays partenaires :

accueil site > Archivio > Internazionale > GRUNDTVIG > I linguaggi del blu > Le tappe dei linguaggi del blu > 30 luglio 2010 AZUL,il blu di Faro PT

30 luglio 2010 AZUL,il blu di Faro PT
sabato 31 Luglio 2010
Version imprimable de cet article Versione stampabile

JPEG - 46.8 Kb

L’incontro di Faro, organizzato da Rosaria Prospero e Evgueni Beliaev si svolge sotto il segno della danza. Il Centro culturale Beliaev e la sua compagnia di danza dell’Algarve presentano il loro recital di danza internazionale Azul sul palcoscenico del Teatro das Figuras di Faro, davanti ad un pubblico ammirato, di cui fanno parte anche i partner italiani, francesi e romeni!

In effetti, qui, le lingue del Blu sono soprattutto gestuali e coreografiche. Il cielo d’ Algarve in cui gli uccelli marini compiono le loro graziose evoluzioni e le migliaia di sfumature in blu dell’Oceano e delle sue isole costituiscono una simbiosi fra terra, Aria e Acqua, una fonte da cui attingere le risonanze, le parole e le pulsazioni della danza…

È con molta emozione che questo pubblico cosmopolita ed affascinato applaude i coreografi Evgueni Beliaev, Gonçalo Ferreira, Sàvio Gontijo e Carolina Cantinho e i danzatori Ana Delgado, Beatriz Gonçalves, Carolina Cantinho, Débora Casimiro, Filipa Cavaco, Inês Ferrer, Jão Martins, Màrcia Afonso, Margarida Cantinho, Miguel Santos, Savio Gontijo, Sophia Rosa, Tânia Silva.

JPEG - 82.7 Kb
JPEG - 81.2 Kb
JPEG - 268.2 Kb

L’incontro di Faro si tiene anche sotto il segno di un altro Blu molto famoso : l’azulejo. Come nella maggior parte delle città portoghesi, il Blu si diffonde sotto forma di azulejo luccicanti sulle facciate dei muri, nelle strade, nelle piazze, nei giardini e nei palazzi. Su queste piastrelle di ceramica blu si dispiega un’arte figurativa tipica del Portogallo.

JPEG - 232.5 Kb
JPEG - 233.1 Kb
JPEG - 236.3 Kb

Accolti alla Scuola Secondaria Joao de Deus dal direttore Fernando Palma Gomes, i partecipanti sono stati invitati a partecipare ad un laboratorio di Azulejo, condotto da Emilia Amaral e Rosaria Prospero. È stata per loro un’esperienza affascinante. Le domande esplodono: Da dove vengono i pigmenti utilizzati in questa tecnica? Qual è l’origine degli azulejo?

JPEG - 232.4 Kb

C’è un pubblico molto motivato che visita poi – sotto la guida di Natalia Oliveira, vicedirettrice di Palazzo d’Estoi, e di Rosaria Prospero - due magnifici esempi di azulejo inseriti nell’architettura civile e religiosa. Gli azulejo di Palazzo d’Estoi e quelli della piccola cappella di São Lorenço, non lontano da Faro, nella provincia dell’Algarve, figurano tra i più celebri Blu del Portogallo.

Creato da Aline Rutily, artista, autore d’installazione chiamate Tapis-Jardins , un Tappeto blu interculturale è nato sul pavimento del palazzo di Estoi. Questo tappeto è fatto di diversi blu : francese, romani, italiani e portoghese.. Questa installazione è un work in process , è intendeva estendere sempre di più nei prossimi incontri del artista con i suoi partner in Europa.

JPEG - 231.4 Kb
JPEG - 228.1 Kb

L’ incontro di Faro rappresenta anche l’occasione per definire il sommario del libro collettivo sulle Lingue del Blu, la cui uscita è prevista nel 2011.

“Come parla il Blu in portoghese?"

Azul marinho, Azul bebé, Azul claro, Azul escuro, Azul petróleo, Azulão, Azul turquesa,

Azulejo, Azulado, Azul ciano, Azul safira, Azul cobalto, Azul ametista …

Partecipanti :

Accademia di Belle Arti di Ravenna IT : Oriella Garavini, Marco Fellini,Francesca Merciari, Valeria Perstyna.

Rettorato di Bacau RO : Angela Sterpu, Alexandru Sterpu.

Associazione Paysage et patrimoine sans frontière FR : Philippe Robin, Catherine Robin, Brigitte Morvant, Bernard Morvant, Mustapha Khairani, Nathalie Redon, Sylvia Druart, Dominique Watrin, Philippe Soulier, Aline Rutily

Commenti
    Non vi sono commenti

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Un messaggio, un commento?
  • (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Chi sei? (opzionale)